Quando si parlava di Perversioni Sessuali ci si riferiva a dei comportamenti, della sfera sessuale, ritenuti deviati. Il punto di confronto era posto con quei comportamenti, invece, ritenuti ortodossi e cioè riconosciuti normali rispetto ad un più diffuso senso comune.
Essendo così difficile stabilire un concetto di normalità, vista anche le grosse differenze culturali, etiche o religiose che caratterizzano le nostre società, si è facilmente compreso l’impossibilità di formulare Diagnosi Cliniche, comunemente accettate, basate sul movimento al Pervetere (dal latino perversum: inversione, andare verso il male).

La Sessuologia Clinica moderna, ha quindi deciso di definire Parafile ciò che ancora molti chiamano Perversioni Sessuali. Le Parafilie (dal greco parà: “presso” e filia: “amore”) quindi, vanno ad evidenziare quell’insieme di manifestazioni sessuali caratterizzate da ricorrenti ed intensi impulsi sessuali, fantasie o comportamenti sessuali che implicano oggetti, attività o situazioni insolite capaci di causare un significativo disagio andando a compromettere la vita familiare, lavorativa e/o sociale dell’individuo.

Un comportamento sessuale può essere considerata come una Paraflia se viene vissuta dal soggetto come forma di sessualità esclusiva se manifesta da più di sei mesi e causa un significativo disagio.

Le Parafile contemplano l’uso e il coinvolgimento di:

  • Oggetti inanimati.
  • Sofferenza e/o umiliazione di se stessi o del partner.
  • Persone di età prepuberale o non consenzienti.

Le manifestazioni di una Parafilia si verificano con maggior frequenza negli uomini e ha il suo esordio nella pubertà, ma può manifestarsi anche più tardi o caratterizzare alcuni momenti della vita in concomitanza a periodi di grande stress emotivo.

Clinicamente riconosciute come Parafilie sono:

Esibizionismo

Con il termine Esibizionismo si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche, fondate sull’esposizione dei propri genitali a persona estranee e non consenzienti.

L’Esibizionista spesso si masturba mentre si mostra e generalmente non cerca di avere un rapporto sessuale con l’estraneo. L’eccitamento è provocato dalle reazioni di spavento della persona che si trova a guardare fuori dalla propria volontà.

L’Esibizionismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, mettendo la persona in gravi rischi con la giustizia con possibili denunce per “atti osceni” che lo possono portare a subire processi e condanne al carcere.

L’Esibizionismo riguarda maggiormente il sesso maschile e solitamente può manifestarsi nella prima età adulta. Possono divenire Esibizionisti anche persone con una buona formazione scolastica e con una buona estrazione culturale e sociale.

Voyeurismo o scopofilia

Con il termine Voyeurismo si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate sull’osservazione di persone estranee, ignare di essere spiate, mentre si spogliano o durante un rapporto sessuale.

Il Voyeur in genere non cerca di avere rapporti sessuali con chi sta spiando, l’eccitamento è provocato da ciò che vede e dalla distanza fisica ed emotiva dalla persona che osserva. Molto frequente è la masturbazione mentre guarda le persone osservate.

Il Voyeurismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, mettendo la persona in gravi rischi con la giustizia con possibili denunce che lo possono portare a subire processi e condanne al carcere.

Il Voyeurismo riguarda maggiormente il sesso maschile e solitamente può manifestarsi nella prima età adulta.

Feticismo

Con il termine Feticismo intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso lo spostamento della meta sessuale dalla persona verso un sostituto, che può essere rappresentato da una sola parte del corpo, o da oggetto o indumenti.

Per il Feticista l’eccitamento e l’attività sessuale, riguardano esclusivamente il rapporto con oggetti inanimati quali la biancheria intima (calze, scarpe, stivali e altri), o parti del corpo come ad esempio i piedi.

Con l’oggetto che diviene Feticcio (“oggetto magico”) il Feticista lo stabilisce un rapporto preferenziale e durante l’attività sessuale, strofinandolo o annusandolo, riesce a raggiungere l’orgasmo ed il piacere sessuale

Il Feticismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, anche se evita alla persona rischi con la giustizia perché in genere è collegato ad una attività di tipo contemplativo.

Il Feticismo può manifestarsi nella già in età adolescenziale.

Feticismo di travestimento

Con il termine Feticismo di travestimento si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate sull’indossare abbigliamento del sesso opposto.

Per il Feticista di travestimento l’eccitamento e l’attività sessuale, riguardano esclusivamente l’indossare abiti e biancheria femminile. Alcuni Feticisti da travestimento possono avere l’abitudine d’indossare biancheria intima femminile sotto gli abiti maschili. Per altri, invece, il travestimento deve essere completo e sofisticato arrivando cosi anche a collezionare abiti femminili con i quali si vestono.

Attraverso il travestimento il soggetto riesce ad arrivare alla eccitazione per poi, con la masturbazione raggiungere l’orgasmo ed il piacere sessuale utilizzando fantasie rivolte sia al maschile che al femminile.

Il Feticismo da travestimento comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, anche se evita alla persona rischi con la giustizia perché in genere è collegato ad una attività che non ledono altre persone.

Il Feticismo da travestimento può manifestarsi nella già in età adolescenziale ed è presente solo in uomini eterosessuali.

Frotteurismo

Con il termine Frotteurismo, si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate nello strofinarsi contro una persona non consenziente.

Il Frotteurismo in genere avviene luoghi affollati come autobus, metropolitane, verso persone che devono rimare anonime e non accorgersi di quello che sta succedendo. Mentre strofina i propri genitali contro cosce o natiche, l’individuo affetto da Frotteurismo si eccitafantasticando di avere rapporti sessuali con la vittima.

Non è ricercato il rapporto sessuale con l’estraneo e la scelta dei luoghi affollati da la possibilità di evitare l’arresto.

Il Frotteurismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, mettendo la persona in gravi rischi con la giustizia se colti in flagrante che lo possono portare a subire processi e condanne al carcere.

Il Frotteurismo riguarda maggiormente il sesso maschile e solitamente può manifestarsi nella prima età adulta.

Pedofilia

Con il termine Pedofilia, si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate nell’interesse sessuale verso bambini con età inferiore ai 13 anni.

Può essere considerato Pedofilo un soggetto che ha più di 16 anni e di almeno 5 anni maggiore dei bambini verso i quali ha interesse sessuale.

Possiamo riscontrare Pedofili attratti da Maschi, altri da Femmine e chi attratto da bambini di entrambi i sessi.
Come è possibile che alcuni Pedofili siano attratti esclusivamente da bambini altri invece possono avere attrazione e rapporti sessuali anche con adulti.

Il Pedofilo può trarre eccitamento sessuale dal solo spogliare il bambino ed osservalo, al masturbarsi in sua presenza o a sottoporlo a contatti oro-genitlai.

In genere il Pedofilo non ha comportamenti violenti con il bambino a meno che non sia manifesto anche un sadismo sessuale. In quel caso si parla di Pedosadismo.

Il Pedofilo può giustificare i suoi comportamenti sostenendo presunti valori educativi delle sue attenzioni verso il bambino. Possono sostenere che il bambino ne ricava piacere o che nel momento dell’abuso è stato il bambino ad essere sessualmente provocante verso il Pedofilo.

il Pedofilo cerca di ottenere dal bambino affetto, interesse e fedeltà, sia per evitare che riveli ad altri le attività sessuali, ma anche perché coinvolto in un processo di negazione della realtà in cui il bambino viene visto con capacità di un adulto consenziente. La stessa giustificazione che il bambino provi piacere e che sia seduttivo mette in evidenza come il Pedofilo cerchi il distacco dalla realtà per evitare componenti conflittuali con il suo comportamento sessuale.

La Pedofilia comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, mettendo la persona in gravi rischi con la giustizia che lo possono portare a subire condanne al carcere.

La Pedofilia riguarda maggiormente il sesso maschile e può manifestarsi nella prima età adulta ma può anche manifestarsi nella adolescenza.

Masochismo

Con il termine Masochismo, si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate sulla ricerca di dolore fisico e della sottomissione mentale.

Attraverso le “torture” subite dal partner e alla sofferenza fisica e dalle umiliazioni provate, il Masochista riesce a raggiungere l’eccitamento. Diversi possono essere i comportamenti che il Masochista ricerca dal partner come essere percosso, schiaffeggiato, frustato, deriso, ecc.

Il rapporto sessuale completo può non essere ricercato dal Masochista che desidera che l’orgasmo sia controllato e/o negato dal partner.

Il Masochismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa.

Il Masochismo può riguardare sia il sesso maschile che quello femminile e solitamente può manifestarsi già nella prima età adulta.

La combinazione di Sadismo e Masochismo viene definita Sadomasochismo, ed è una Parafilia in cui l’eccitamento ed il piacere sessuale avvengono esclusivamente attraverso il provocare ed il subire dolore e sottomissione fisici.

Sadismo

Con il termine Sadismo, si intende parlare di una Parafilia, presente da almeno sei mesi, caratterizzata da persistenti ed esclusive fantasie e impulsi sessuali, volti al raggiungimento dell’eccitamento sessuale attraverso le sole pratiche erotiche fondate sull’imporre al partner sofferenze fisiche e psicologiche.

Attraverso le “torture” inflitte al partner e alla sofferenza fisica e mentale provata, il Sadico riesce a raggiungere l’eccitamento. Diversi possono essere i comportamenti che il Sadico riserva al partner come percuotere, schiaffeggiare, frustare ecc.

Il rapporto sessuale completo può non essere ricercato dal Sadico che può anche non avere il desiderio di arrivare aIl’orgasmo.

Il Sadismo comporta evidenti disagi nelle sfera relazionale, sociale e lavorativa, mettendo la persona in gravi rischi con la giustizia se praticato con persone non consenzienti.

Il Sadismo può riguardare sia il sesso maschile che quello femminile e solitamente può manifestarsi già nella prima età adulta.

Parafilia Non Altrimenti Specificata

Vengono così diagnosticati comportamenti sessuali che non rientrano nei criteri di definizione delle precedenti Parafile. Alcuni di questi sono:

Scatologia telefonica
Piacere sessuale ottenuto attraverso telefonate oscene

Necrofilia
Piacere sessuale ottenuto attraverso la soddisfazione dell’attrazione sessuale nei confronti di cadaveri

Parzialismo
Piacere sessuale ottenuto attraverso la soddisfazione dell’attrazione sessuale nei confronti di singola parte del corpo.

Zoofilia
Piacere sessuale ottenuto attraverso la soddisfazione dell’attrazione sessuale nei confronti di animali.

Coprofilia
Piacere sessuale ottenuto attraverso l’uso delle feci

Urofilia
Piacere sessuale ottenuto attraverso l’uso dell’urina

Clismafilia
Piacere sessuale ottenuto attraverso l’uso di clisteri